Swans - Not here / not now (2013)

Postato in Let It Bleed

Scritto da: Alberto Calorosi

Questo utente ha pubblicato 1301 articoli.

Swans Not here not nowLabel: Young god records

Issued: 2013

 

 

 

 

 

 

To be kind scaturirà da questo Not here / not now esattamente/oppostamente a come The seer scaturì due anni addietro da We rose from your bed...E' notorio che in entrambi i casi il live funse da finanziamento per il susseguente album in studio. Ma dall'altro questo N.H/N.N. documenta una genesi quasi esclusivamente live (qui sei live e due demo di ciò che finirà sul disco, là soltanto tre live e ben cinque demo) e introduce quel concetto di deliquescenza sonora che sarà ampiamente (o meglio, estenuantemente) esplorato nel prosieguo (sentite cosa succede in To be kind, oppure cercate di seguire la metamorfosi del segmento "I see it all" di The seer nel monstre noise-cratico The seer / Bring the sun / Toussaint L’ouverture collocato spaventevolmente in chiusura). Amputazioni e protesi. Amputazioni: She loves us, qui maggiormente roboante rispetto alla versione in studio, dove sarà sviluppata soltanto la seconda parte. Protesi: la scampanellante intro incollata alla versione in studio (accelerata) di Nathalie Neal. Mutazioni: Just a little boy, un violentissimo e spaventoso incedere nella direzione di un crescendo infernale laddove in studio tutto si sintetizza in un solo incredibile climax. Edizione limitata a duemila copie firmate da M-G.

 

Sì però avrei fretta: Just a little boy / Nathalie Neal