Commento (e intervista a Vittorio Nocenzi) di Mauro Selis al concerto del BANCO a Bordighera- 5 agosto

Scritto da: MAT2020

Questo utente ha pubblicato 2464 articoli.

Durante la settima “Rassegna d’Autore e d’Amore” di Bordighera, evento realizzato grazie all’associazione culturale musicale “Aspettando Godot” del visionario - artisticamente e organizzativamente parlando - nonché portatore sano di utopie Pino Calautti, abbiamo avuto la sorte di incontrare e conversare con Vittorio Nocenzi del Banco del Mutuo Soccorso, headliner della prima serata.

 

 
 

La cordialità è padrona in casa Banco, anche grazie a Lorella Brambilla, che proprio il 5 agosto ha festeggiato i suoi 40 anni come road manager dell’ensemble laziale, offrendo una deliziosa torta e del buon Valdobbiane poco dopo il soundcheck.

Commozione per lei allorquando è stata chiamata sul palco a sorpresa durante il live, ecco la foto dell’abbraccio con Vittorio Nocenzi…

 

 

Il concerto è stato fantasmagorico, tutti in grande spolvero, poco più di 90 minuti ove viene suonato l’intero primo disco, tracce darwiniane, una transiberiana e una finale Moby Dick davvero deliziosa, a detta di molti la miglior versione live mai realizzata, e poi il bis - richiamato dal numeroso pubblico (sold out) - ha visto dopo un lungo preambolo strumentale di gran classe, una commovente “Non mi rompete” che ha dimostrato come l’ensemble sia totalmente affiatato attorno al carisma indiscusso di Vittorio Nocenzi. 

 

 

A seguire, dopo una erudita trattazione su Genova di Vittorio Nocenzi, il brano Passaggio/Metamorfosi tratto da “Banco del Mutuo Soccorso”, il disco “salvadanaio” che quest’anno, esattamente il 3 maggio, ha compiuto 50 anni.

 
 
 

Ed ora proiettiamoci sul nuovo disco del Banco che uscirà il 23 settembre dal titolo “Orlando: le forme dell’amore”, un concept album doppio di 80 minuti con l’Ariosto ancora protagonista dopo mezzo secolo dall’Astolfo alle prese con il suo ippogrifo de “Il volo”.