Dallian - Automata

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: Shadowsofthesun

Questo utente ha pubblicato 5 articoli.

Dallian Automata(Autoprodotto, 2018)

Voto: 65

#PER CHI AMA: Symph Death, Septicflesh, Therion

 

 

 

Se nel nostro paese è dura proporre musica estrema, nel piccolo Portogallo non sembra che il grande successo ottenuto dai Moonspell abbia spalancato le porte anche alle nuove leve. E probabilmente proprio per questo i lusitani Dallian, formatisi appena nel 2017 da ex componenti dei Madame Violence, non hanno lasciato nulla al caso nel produrre il loro primo album 'Automata'. Ambizioso è l’aggettivo che calza a pennello per descrivere questo lavoro, e non si tratta assolutamente di una critica. Il quartetto ci propone infatti una miscela esplosiva di death, progressive e symphonic metal, mentre le tematiche dell’album variano fra la spiritualità, la critica sociale e lo steampunk. La cosa che colpisce fin da subito è la produzione di grande livello, che garantisce un impatto sonoro degno dei lavori di band più quotate e valorizza la tecnica individuale di ogni strumentista. La band non si risparmia nulla ed infarcisce quasi tutti i pezzi (ben 13!) di elementi orchestrali, tastiere e persino quella che potrebbe essere una chitarra portoghese. Complessa anche la linea vocale, che vede l’alternarsi di un cantato in growl e uno in scream, con sporadici interventi di una voce lirica femminile. Caratteristica principale dell’album è di poter soddisfare qualsiasi palato della sempre più esigente platea del metal estremo: dunque spazio alle grandiose atmosfere sinfoniche alla Therion, a momenti orientaleggianti che richiamano un po’ 'Sumerian Daemons' dei Septicflesh, a cavalcate death metal di pregevolissima fattura e grande groove e ad alcune costruzioni maggiormente complesse vicine ai tempi d’oro degli Opeth. Tutto questo su più di un’ora di musica. Alla lunga ci si rende conto che tutto questo è sia il punto di forza che la debolezza dell’album: gli spunti sono parecchi, forse troppi per essere apprezzati appieno, e ognuno di essi rimanda a questo o a quel gruppo di riferimento che abbiamo già citato. Già verso la mezz’ora qualcuno potrebbe iniziare a chiedersi quando finiscano i tributi e quando inizino i “veri” Dallian. L’ascolto scorre liscio, ma la fine arriva lasciando una fastidiosa sensazione di aver perso qualche passaggio. In conclusione: lavoro straordinariamente ben fatto, ambizioso, ma è con ben altra personalità che si lascia il segno. Anche al di fuori del piccolo Portogallo.