Tyakrah - Wintergedanken

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1597 articoli.

Tyakrah Wintergedanken(Satanath Records/Slaughterhouse Records, 2017)

Voto: 75

#PER CHI AMA: Black/Doom/Folk, Agalloch

 

 

 

Dalla città di Münster ecco arrivare i Tyakrah, fautori di un suono che richiamerà di sicuro l'attenzione dei fan degli Agalloch. 'Wintergedanken' è un dischetto infatti dal forte sapore invernale, che vanta parecchi rimandi alla band di John Haughm e soci, in particolare a quel 'The Mantle' che fece sognare tutti gli amanti del black doom folk e non solo, compreso il sottoscritto. E quando "Gefrorne Tränen" entra nel mio stereo dopo la timida intro, ecco avvertire quelle stesse sensazioni positive di quando ascoltai per la prima volta il capolavoro della band americana. Certo, sono passati 16 anni dall'uscita di 'The Mantle', eppure c'è ancora chi sogna di trovarne un seguito altrettanto bucolico, magari partorito nelle campagne della Renania. E quindi perchè no, non raccogliere la sfida e pensare che i Tyakrah possano rappresentare quel seguito virtuale, questo perchè a parte l'asprezza della componente ritmica, la song si lancia in lunghe progressioni strumentali, dilatazioni cariche di pathos e profonda malinconia che mi convincono appieno. La title track non tradisce e prosegue con questo tipo di approccio, miscelando il classico sentore black (limitato essenzialmente solo alla voce) doom (per quel riffing lento e sinuoso) con splendide fughe chitarristiche pregne di una emozionalità strappa lacrime, legata all'uso sfrenato di un tremolo picking estremamente efficace, anche nelle parti più violente. L'intensità crescente del disco viene amplificata dalla solennità dell'interludio "Eisige Andacht". Tocca poi a "Fährten im Schnee" ripristinare il flusso sonoro con la prima parte del cd, sebbene sembra essersi perso quel tocco di magia iniziale. Sia chiaro, la song non è brutta però sembra deprivata di quella forte emotività caratterizzante i primi due pezzi e maggiormente focalizzata sulla brutalità di un black glaciale. Ci prova prima una voce pulita a ripristinare il corso delle cose, con risultati non del tutto convincenti, poi una chitarra decisamente più ispirata. "Erstarrende Nacht" prosegue mostrando il lato più collerico del duo germanico tra sfuriate black, harsh vocals e splendidi solismi che alla fine premiano la proposta di J.R. e I.XII, i due musicisti fautori di questa interessante proposta. Rimango ora in trepidante attesa per il futuro dei Tyakrah, godendomi intanto le gradevolissime atmosfere di 'Wintergedanken'.