Tronus Abyss - Kampf

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: GodTech

Questo utente ha pubblicato 91 articoli.

Tronus Abyss Kampf(Pagan Moon Organization, 2003)

Voto: 75

#PER CHI AMA: Dark/Ambient/Folk/Industrial

 

 

 

Non ho mai trovato entusiasmante la proposta musicale dei Tronus Abyss, né durante il loro periodo black metal, né con la successiva svolta elettronico-sperimentale, ma la sorprendente facilità con cui 'Kampf' è riuscito a catturarmi non mi ha lasciato indifferente, perciò ho voluto ascoltare l'album più volte prima di formulare un giudizio che fosse il più possibile obiettivo. È evidente che 'Kampf' possieda qualcosa in più rispetto ai due album precedenti e non è solo di mera "estetica" del pentagramma che sto parlando, ma di genio e di intuito, elementi che il gruppo torinese ha saputo esprimere in modo assolutamente nuovo, conferendo ai propri brani un fascino mai troppo celato e rivalutando il concetto di sperimentazione in un'ottica scevra da rigidi meccanismi autocelebrativi. Il tracciato sonoro già battuto con 'Rotten Dark', viene rivisitato dal gruppo mantenendo parzialmente salda la mescolanza tra musica medievale e grottesche sfumature electro-apocalittiche, ma diversa è forse la chiave di lettura, come lo è la vena creativa di Malphas e Atratus, i quali paiono aver trovato una grande ispirazione e un nuovo vigore compositivo tra le note di quest'album, slegandosi tra l'altro da ogni riferimento stilistico al black metal. Noise, industrial, folk apocalittico, dark ambient: in 'Kampf', queste molteplici influenze emergono intrecciandosi armoniosamente attraverso i nove brani che compongono l'opera e ad esempio di questa sublime commistione di generi potrei certamente portarvi la title-track, introdotta dai rintocchi funebri di un pianoforte, mentre una drammatica declamazione narra di visioni cosmiche, richiami esoterici ed amare invettive sulla decadenza di un'epoca. Stupendi anche gli oltre sette minuti di "Mabuse", un percorso allucinante lungo le estetiche surreali del cinema espressionista tedesco, rivissute attraverso le ebbre alterazioni di Atratus, la cui voce tuona ancora fiera e sprezzante tra gli opprimenti fraseggi d'organo. Perdetevi tra le note di 'Kampf' e assaporatene ogni singolo tassello: dagli imponenti fiati de "L'eredità del Cinghiale" alle melodie medievali di "STH.492", fino ai neoclassicismi di "Radio Europa MMIII". Notate anche come ogni piccolo particolare, nei Tronus Abyss, diventi un elemento insostituibile per l'integrità del brano e come l'apporto del nuovo componente Mord sia ora più che mai vitale nello schema compositivo del gruppo. Nella traccia di apertura, come in "Funeral", le chitarre di Mord aiutano infatti a rendere ancor più disturbanti le atmosfere, creando un clima di febbricitante angoscia e insinuandosi nella struttura portante dei pezzi, quasi a confondersi con il suono dei synth. In conclusione, dire se 'Kampf' sia o meno un capolavoro non risulta affatto semplice, ma una cosa è certa, la stella dei Tronus Abyss brilla oggi di una luce nuova e più splendente. A voi il compito di volgere in alto lo sguardo e saperla scorgere.