Hvíldarlauss Dauðr - Terrorforming

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1536 articoli.

Hvildarlauss Dauor Terrorforming(Autoprodotto, 2018)

Voto: 70

#PER CHI AMA: Post Black/Doom/Avantgarde

 

 

 

Gli Hvíldarlauss Dauðr sono una nuova creatura proveniente dalla terra d'Albione, e 'Terrorforming' rappresenta il loro debutto sulla lunga distanza dopo due EP ormai datati 2011 e 2013. La proposta del terzetto britannico è votato ad una forma di black metal crepuscolare. L'opener, "Heart and Soul Planted", lo dimostra con un sound che ha in un pianoforte i suoi soli tocchi di eleganza, e la cui matrice ritmica sembra invece muoversi in territori ovviamente black, con un tocco di punk ed una sagace oscurità che si riflette in una ricercata, anomala e riuscitissima porzione solistica. Decisamente più ritmata la seconda "Orbits", anche se l'originalità di Robert Hobson e soci, si riflette in parti di spoken words e spezzoni atmosferici, quasi a delineare una suggestiva ambientazione che richiama l'Inghilterra vittoriana di Jack lo Squartatore. Il sound è comunque melodico e il dualismo vocale contribuisce a smorzarne la ferocia. "Plateau" sembra percorrere un'altra strada che trova nello screaming di Rick Lester il solo punto di contatto con la fiamma nera: le ritmiche sono infatti qui più sbilenche, decisamente orientate ad un death metal ricco di groove, mai eccessivamente veloce o pesante, anzi in grado di strizzare l'occhio a forme più gothic/doom. Devo ammettere però che non è cosi semplice incasellare la musica dei nostri con un'etichetta ben precisa e forse sta qui la forza della band di Leeds che in "Night Walking" sembra andare ancor più a rilento, tra sonorità notturne, rallentate, l'ideale colonna sonora per una passeggiata nel bosco di notte. Con "Vulture" tornani i fasti (post) black, in una song aspra e più lineare rispetto alle precedenti, almeno nella sua prima parte visto che nella seconda metà si torna a divagare. Sonorità più alternative rock (si avete letto bene) in "Brocken Spectre" mi disorientano non poco; ci pensa fortunatamente una mitragliata post-black (che ritroveremo anche nella tiratissima "Return to Hvamm") a ristabilire l'ordine delle cose e rimettere i nostri sui corretti binari, anche se poi trovo francamente difficile capire cosa aspettarmi dalle note successive di questo mutevole lavoro. La title track chiude un disco tanto interessante quanto di impegnativo approccio, che permette di intravedere grosse potenzialità per la band inglese. Per ora dovrete accontentarvi di una versione digitale visto l'esiguo numero (25) di cd stampati, ma sembrerebbe che una nuova ristampa sia già in programma, stiamo a vedere ed intanto godiamoci le insane sonorità di 'Terrorforming'.