God's Empire - God's Empire

Postato in Il Pozzo dei Dannati

Scritto da: franz

Questo utente ha pubblicato 1388 articoli.

God s Empire(Autoprodotto, 2017)

Voto: 70

#PER CHI AMA: Alternative Rock/Post, The Gathering, Tool

 

 

 

È sorprendente come due individui, appartenenti a due generi fondamentalmente distanti anni luce tra loro, si siano incontrati dando vita ad un terzo genere, che con i due precedenti non centra ancora una volta assolutamente nulla (o quasi). Stiamo parlando dei francesi God's Empire, duo formato dal chitarrista Jérôme Colombelli (membro di Uneven Structure e di Cult Of Occult, altre due band agli antipodi, una djent e l'altra al limite del funeral doom) e Anne-Sophie Remy (Room Me), una vocalist cresciuta ispirandosi a Patti Smith e PJ Harvey. Questo è il loro EP omonimo uscito da poco autoprodotto, che consta di cinque tracce che strizzano l'occhiolino al versante più alternative della musica rock. Lo si evince già dall'opener "Pleasure" e dal suo rifferama cosi nevrotico che chiama in causa Tool e Deftones, che poco convince però a livello di batteria, sul finire un po' troppo caotica e che mal si inserisce nel contesto musicale creato. L'inizio di "Nightmare" non può non far pensare ai System of a Down, anche se poi l'incedere si fa più cupo e minaccioso, con in primo piano un riffing tosto e ritmato e la voce di Anne-Sophie convincente, ma che lascia ancora intravedere ampi margini di miglioramento. In "Mirrors" si palesa a livello della sei corde un retaggio djent proveniente dagli Uneven Structure, anche se poi quando la vocalist prende la scena, il volume della chitarra sembra abbassarsi, per dare modo ai vocalizzi di Anne-Sophie di elevarsi su tutto il resto, mentre nei cori torna ad irrobustirsi la porzione ritmica dei nostri. "Coma" apre timidamente con la voce di Anne-Sophie che sembra rievocare quella di Anneke Van Giersbergen, ex front-woman dei The Gathering, nei pezzi più malinconici della band olandese; ed è proprio in questa veste più calda che la performance della cantante transalpina si fa ancor più convincente, cosi come la song, decisamente più malinconica delle precedenti. Seppur i due non inventino nulla di che, alla fine è il pezzo che preferisco, perché riesce a bilanciare perfettamente l'aspetto più atmosferico e decadente dei nostri con un riffing a tratti votato al post rock e in altri frangenti, assai più tensivo. Si arriva alla traccia più lunga del disco, "Dark Passenger", ove sono ancora atmosfere rilassate a governarne l'andamento di un brano che, complice una chitarra in tremolo picking, risulterà mostrare un carattere nostalgico e tormentato. Insomma una prima prova quella dei God's Empire che tra luci ed ombre, riesce a mostrare una certa personalità, volubile, eclettica, a tratti indomabile, che comunque potrà convincere quella fetta di fan più aperta a sonorità alternative volte a varie forme di contaminazioni.