Acuarela, il Blog

Nostre Mani - Uniti promuovendo la partecipazione infantile (luglio 2010)

Scritto da: serena

Questo utente ha pubblicato 27 articoli.
Nostre Mani
Uniti promuovendo la partecipazione infantile
 
Il “Gruppo dei portavoce dell’Acuarela”, viene eletto dal SENAME come una delle migliori attività di partecipazione infantile che si sono realizzate a livello nazionale.
 
Il 9 luglio 2010 si è svolto il seminario dal titolo: “Partecipazione di bambini, bambine e adolescenti: una sfida possibile”, organizzato dal Servizio Nazionale di Minori (SENAME). Si sono riuniti rappresentanti di bambini, bambine, adolescenti e adulti dei diversi Programma di Prevenzione Comunitaria (PPC) di tutto il Cile con autorità del governo. L’incontro è stato pensato per parlare e discutere “su quello che consideriamo per partecipazione e come la nostra opinione può essere presa in considerazione nel momento di prendere una decisione che colpisce tanto la nostra familia quanto la scuola o il nostro quartiere”.

 
Devi sapere che a livello nazionale, tra i molti PPC del paese, il Gruppo dei Portavoce Acuarela è stato eletto dal SENAME come la migliore attività che contribiusce a promuovere la partecipazione infantile. Ricorda che il Gruppo dei Portavoce è formato dagli adolescenti dei diversi settori dove lavora l’Acuarela (Salvador Allende, Villa Gabriela, Laura Rosa e San Ricardo), il cui obiettivo è quello di essere la voce del gruppo nelle diverse attività del progetto e di aiutare la sua pianificazione e realizzazione (incontri metropolitani, regionali, nazionali, creazione del bollettino informativo, conduzione di un programma radio e diverse attività di promozione dei diritti del bambino (uscite, laboratori, giochi etc.). Eduardo e Leo hanno esposto il progetto Acuarela come adulti e la Ninoska ha partecipato rappresentando la Rete di ONG, raccontando la sua esperienza nei diversi spazi.

Importante:

Abbiamo partecipato al Forum Metropolitano nel “Collettivo senza Frontiere” (15luglio)

Brenda ci racconta la sua partecipazione nel Forum del “Collettivo senza Frontiere”...

Appena arrivati abbiamo mangiato colazione tutti assieme, un piatto tipico peruano un po’ piccante, poi ci hanno divisi in 5 gruppi e abbiamo lavorato su ¿Cosa significa discriminazione? Tra le tante idee emerse le più importanti sono state: prendere in giro per il colore della pelle, per i difetti e per l’apparenza fisica, aproffittare del più debole, dare soprannomi. Un altro punto di lavoro è stato: ¿Quali forme di discriminazione conosci e dove avvengono?. Le forme più conosciute avevano a che fare con il razzismo e la discriminazione fisica e sociale invece tra i luoghi dove avvengono le discriminazioni i più nominati sono stati la scuola, la strada e i luoghi pubblici.. Alla fine abbiamo elaborato delle proposte per combattere la discriminazione: ideare dei laboratori, dibattiti nelle scuole, unità vicinali, creare dei manifesti e/o volantini informativi, organizzare una manifestazione e chiedere che venga redatta una legge sulla discriminazione dato che il Cile ancora ne è sprovvisto.
 
Il PPC Acuarela, PPC Crear Nos, PPC Entre Lazos, OPD (Ufficio di Protezione dei Diritti), PIB Iraya, CENCODEL e CESFAM Giovanni Paolo II abbiamo realizzato la Scuola di Leader il Venerdi 30 luglio, 6 e 13 Agosto. “E’ stato molto bello ed abbiamo parlato di temi come leadership, partecipazione, lavoro in rete e associazione, inoltre abbiamo imparato a redattare progetti”. Tutto questo accompagnato da giochi, teatro, musica e soprattutto divertimento. L’obiettivo a lungo termine è quello di formare un movimento di bambini e bambine nella Pintana. Come rappresentanti dell’Acuarela hanno partecipato: Brenda, Ninoska, Escarlett, Sebastian, Ricardo, Bettsy. L’obiettivo a breve termine, invece, riguarda alla possibilità che i bambini/e possano riscattare gli spazi pubblici realizzando attività organizzate e ideate da loro stessi a partire da una motivazione personale che nasce in loro.
 
Attività:

☺Celebrazione della giornata dei diritti dei bambini(14 Agosto)
☺Incontro nazionale di bambini, bambine e adolescenti della Rete di ONGs (27 Agosto Valparaíso)
☺Forum Metropolitano (24Agosto Caleta la legua)
☺Incontro di bambini/e per la Campagna Mobilitandoci per una Cultura Integrale di Diritto (20 Agosto)

Il “Collettivo senza Frontiere”, è un progetto che ha come principale obiettivo quello di promuovere i diritti dei bambini immigrati in Chile.
Sapevate che circa 4.000 bambini di famiglie immigrate, dell’America Latina, vivono affollati nella Regione Metropolitana senza avere accesso alla salute e all’educazione.

ATTENZIONE

Sapevate che il 14 Agosto si celebrano i 20 anni dalla firma della Convenzione dei diritti dei Bambini(CDN). Nel 1989 è stata firmata la Convenzione a livello mondiale ma solo un anno dopo, 14 agosto del 1990, il Cile ha deciso di renderla legge. A 20 anni da questa importante data dove il Cile si è compromesso ad assicurare, proteggere e rispettare i diritti dei bambini/e, i ragazzi dell’Acuarela creano dei video per raccontarci le loro opinioni sul tema.

Dinosauri, teatro, cinema, competizioni e feste sono state le attività delle vacanze d’inverno nell’Acuarela
Ascolta tutte le domeniche alle 17.00 e i martedì alle 19.00 il programma “Acuarela; los Derechos Humanos a todo color” su www.yastaradio.com

Scuola di Leader della Rete d’Infanzia della Pintana

FREDDE MA DIVERTENTI VACANZE INVERNALI
 
 
Durante queste fredde ma divertenti vacanze d’inverno, non solo abbiamo avuto il tempo per riposare e svegliarci un po’ più tardi, ma anche per divertirci con le attività dell’Acuarela: giochi a squadre, festa, cinema, gita sulla neve, gita alla biblioteca di Santiago (opera di teatro infantile) e visita alla stazione Mapocho (dinosauri animati).
Cecilia del settore di Villa Gabriela ci racconta la sua esperienza:
“a me è piaciuto molto perchè è stato organizzato tutto con tanto amore ed è riuscito bene. Quello che mi è piaciuto di più sono stati i giochi in squadre (se la sai canta, tiro al palloncino) e tutti i concorsi fatti che avevano domande riguardanti i diritti dei bambini... Ho apprezzato la complicità con gli altri gruppi e anche se nella gita non abbiamo visto molta neve, a causa della strada interrota, abbiamo giocato un sacco nel pullman.”